EuroPeano

È martedì 27 maggio e sto camminando su Esplanade Simon Veil, la piazza di fronte al Parlamento europeo, dalla pavimentazione rossa a strisce grigie, stretta nell’abbraccio dei due ponti che uniscono l’edificio Altiero Spinelli al József Antail e al Willy Brandt. In alto ci sono ancora i poster delle elezioni 2014 per spingere le persone… » read more

Posted by carlopeano

Sono alla conferenza “Analysis of the Ukraine Presidential Elections” organizzata nello European Press Club Brussels dallo EU Ukraine Business Council e mediata dal suo direttore James Wilson. Alla mia destra il mio amico Y prende appunti sul suo Moleskine nero e ogni tanto bisbiglia commenti: le elezioni presidenziali in Ucraina si terranno lo stesso giorno… » read more

Posted by carlopeano

È la sera dell’8 maggio e sto camminando in rue Luxembourg verso la stazione della metropolitana Trône con la mia amica A. In lontananza si vede l’incrocio della metro, qualche centinaio di metri dopo i giardini alberati di square Meeûs, mentre alle nostre spalle abbiamo place Luxembourg e il Parlamento europeo subito dietro. TwitterFacebook0Linkedin

Posted by carlopeano

Sono seduto in una di quelle grandi sale da cento persone nell’edificio Altiero Spinelli del Parlamento Europeo, all’evento su “Women in conflict zone: Kashmir through women’s eyes” (Donne in zone di conflitto: il Kashmir attraverso gli occhi delle donne). L’evento è interessante perché, nonostante il Parlamento europeo affronti la questione del Kashmir da una decina… » read more

Posted by carlopeano

Sono nel Parlamento europeo e vado a seguire una conferenza con la mia amica A. Intanto, parliamo di società anonime: quelle aziende che hanno una tale frammentazione del pacchetto sociale da essere di fatto anonime e che sono generalmente usate per riciclare denaro sporco o non pagare le tasse. TwitterFacebook0Linkedin

Posted by carlopeano

Sto uscendo dal Parlamento europeo e camminando su Agora Simone Veil, lo spiazzo in pietra rossa che si trova tra l’edificio Alfiero Spinelli e place Luxembourg; dopo pochi passi sotto un sole inusuale, mi sento chiamare. Così mi giro e vedo in lontananza la mia amica A. con il braccio alzato e la mano aperta.… » read more

Posted by carlopeano