EuroPeano

È martedì 27 maggio e sto camminando su Esplanade Simon Veil, la piazza di fronte al Parlamento europeo, dalla pavimentazione rossa a strisce grigie, stretta nell’abbraccio dei due ponti che uniscono l’edificio Altiero Spinelli al József Antail e al Willy Brandt. In alto ci sono ancora i poster delle elezioni 2014 per spingere le persone… » read more

Posted by carlopeano

Sono alla conferenza “Analysis of the Ukraine Presidential Elections” organizzata nello European Press Club Brussels dallo EU Ukraine Business Council e mediata dal suo direttore James Wilson. Alla mia destra il mio amico Y prende appunti sul suo Moleskine nero e ogni tanto bisbiglia commenti: le elezioni presidenziali in Ucraina si terranno lo stesso giorno… » read more

Posted by carlopeano

È la sera dell’8 maggio e sto camminando in rue Luxembourg verso la stazione della metropolitana Trône con la mia amica A. In lontananza si vede l’incrocio della metro, qualche centinaio di metri dopo i giardini alberati di square Meeûs, mentre alle nostre spalle abbiamo place Luxembourg e il Parlamento europeo subito dietro.

Posted by carlopeano

Sono seduto in una di quelle grandi sale da cento persone nell’edificio Altiero Spinelli del Parlamento Europeo, all’evento su “Women in conflict zone: Kashmir through women’s eyes” (Donne in zone di conflitto: il Kashmir attraverso gli occhi delle donne). L’evento è interessante perché, nonostante il Parlamento europeo affronti la questione del Kashmir da una decina… » read more

Posted by carlopeano

Sono nel Parlamento europeo e vado a seguire una conferenza con la mia amica A. Intanto, parliamo di società anonime: quelle aziende che hanno una tale frammentazione del pacchetto sociale da essere di fatto anonime e che sono generalmente usate per riciclare denaro sporco o non pagare le tasse.

Posted by carlopeano

Sto uscendo dal Parlamento europeo e camminando su Agora Simone Veil, lo spiazzo in pietra rossa che si trova tra l’edificio Alfiero Spinelli e place Luxembourg; dopo pochi passi sotto un sole inusuale, mi sento chiamare. Così mi giro e vedo in lontananza la mia amica A. con il braccio alzato e la mano aperta.

Posted by carlopeano