EuroPeano

Sono alla conferenza “Analysis of the Ukraine Presidential Elections” organizzata nello European Press Club Brussels dallo EU Ukraine Business Council e mediata dal suo direttore James Wilson. Alla mia destra il mio amico Y prende appunti sul suo Moleskine nero e ogni tanto bisbiglia commenti: le elezioni presidenziali in Ucraina si terranno lo stesso giorno di quelle europee e siamo curiosi di cosa sta succedendo. Stiamo ascoltando la presidente dell’Istituto per la Democrazia e lo Sviluppo “Polita”, Katerina Odarchenko, parlare dei candidati alla presidenza e della perdita di confidenza nella classe politica ucraina.

Y. è alla terza pagina, mentre la ricercatrice e professoressa Svitlana Kobzar descrive i problemi economici ucraini come la principale sfida del futuro governo, perché molti problemi derivano dalla povertà.

«Parleranno anche del dopo elezioni?» mi domanda Y sottovoce voltando l’ennesima pagina del suo Moleskine. Io gli lancio uno sguardo di conferma, quando il funzionario dell’EEAS, Boguslaw Gertruda, afferma che la firma dell’Accordo di Associazione è attesa nel mese di giugno.

Così, alla mia quinta pagina di appunti, il ricercatore Olaf Wientzek spiega che il passaggio al federalismo in Ucraina potrebbe essere doloroso e la diplomatica ucraina, Nadia Tsok, gli contesta la parola federalismo.

«Vedrai che accetta decentralizzazione!» mi dice Y sottovoce e, in effetti, così capita.

Per chi fosse interessato alle relazioni tra Ucraina e Unione Europea, consiglio i siti:
http://goo.gl/IYorLk
http://eeas.europa.eu/ukraine/index_en.htm

Tweet about this on TwitterShare on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0
Author :
Print

Leave a Reply