EuroPeano

Sono nel Parlamento europeo e vado a seguire una conferenza con la mia amica A. Intanto, parliamo di società anonime: quelle aziende che hanno una tale frammentazione del pacchetto sociale da essere di fatto anonime e che sono generalmente usate per riciclare denaro sporco o non pagare le tasse.

«Sono state usate dell’ex presidente ucraino Viktor Yanucovych per nascondere il denaro che rubava» mi fa notare A. sulle scale mobili che portano dal primo al terzo piano.

«L’undici marzo il Parlamento Europeo ha votato per alcune norme sul riciclaggio e per la creazione di un registro pubblico che elenchi i veri proprietari delle aziende» aggiungo io.

«Hanno votato 643 a favore e 30 contro» mi interrompe A.

«Manca ancora il passaggio al Consiglio europeo, ma, con un appoggio così forte nel Parlamento, il Consiglio europeo non dovrebbe cambiare troppo la direttiva» dico mentre attraversiamo lo spazio di fronte al press centre.

«Esatto! La presidenza italiana avrà un ruolo importante nel promuovere l’iter e fare in modo che la direttiva sia votata in modo definitivo nel 2015».

«Tra l’altro, sul sito del TED pochi giorni ho visto un video sulle società anonime: ne parlava Charmian Gooch, la cofondatrice di “Global Witness” e vincitrice del TED Prize 2014». Le spiego come in quel video Gooch descriva i motivi per cui è importante cambiare, aggiungo che la sua ONG sta portando avanti una campagna mondiale e concludo che nella sua presentazione la Gooch cita l’Unione Europea per il passo in avanti che è stato fatto.

«E dove trovo questo video?»

«Sul sito internet di TED, il titolo è My wish: To launch a new era of openness in business».

Per chi fosse interessato alla Risoluzione legislativa del Parlamento Europeo, consiglio il link: http://goo.gl/1r3whS

Per chi fosse interessato al video di Charmian Goosh, consiglio il link: http://goo.gl/9yJSs6

Per chi fosse interessato alla campagna di Global Witness contro le aziende anonime consiglio il sito: http://goo.gl/m5q3v8

Tweet about this on TwitterShare on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0
Author :
Print

Leave a Reply